sabato 1 marzo 2008

Scherza coi fanti e pure con San Remo.

La polemica si fa sugli ascolti, e io vorrei essere per un anno il direttore artistico di questa così sciupata manifestazione. A me della polemica interessa poco, e poco interessa pure degli ascolti, perché io ho la ricetta per rendere sopportabile pure Sanremo: YouTube. In mezz'ora ho ascoltato tutto quanto potesse interessarmi e, devo ammettere, mi è sembrata una buona edizione quella di quest'anno, ove per "buona" deve intendersi la possibilità di ascoltare tre o quattro pezzi decenti. Tanto buona da costringermi, ieri sera, all'ascolto semi-integrale della manifestazione canora, ove per "semi" deve intendersi che certi pezzi, dopo i primi sei o sette secondi mi costringevano a volgere il pollice del comando remoto altrove. La prima delusione è affiorata alla vista della giuria di qualità, soprattutto quando ha cominciato a palesare le proprie valutazioni. Fede per fortuna ha aperto la bocca con parsimonia, ma quando l'ha fatto non si è certo risparmiato nella profusione di parziali idiozie, ove per "parziali" deve intendersi il termine che in linea teorica dovrebbe mettermi al riparo da una astrattamente possibile querela. Se però la giuria in studio (non ce la faccio a definirla "di qualità"), salvo elogi nostalgici del passato cutugnano e littletoniano e intraprendenti slanci di generosità nei confronti di Tatangelo (che almeno un po' di fischi se li è presa al ritiro del premio) e Moro, ha in linea di massima espresso un giudizio condivisibile, ove per "condivisibile" deve intendersi non scandaloso, è stata la giuria demoscopica, unita ai televotanti casalinghi, a rendere bene l'idea delle condizioni del nostro (per dignità e amor patrio lascio gli aggettivi sulla tastiera) Paese e a farmi ricredere definitivamente sulle possibilità, che prima di ieri sera ritenevo quasi nulle, in capo a Berlusconi, di tornare al potere. E così mi tocca vedere Sergio Cammariere schiacciato da Meneguzzi, Finley e Cutugno, che ci vuole pure un certo sprezzo del pudore per riportare certe notizie. Bennato si accaparra il decimo posto, sovrastato da Little Tony (che almeno non correremo il rischio di vederlo al prossimo Sanremo, pare che si sia ritirato. E comunque faceva un po' di tenerezza, e il nono posto non lo demerita) e nientepopodimeno che Gianluca Grignani. Tricarico non compare in classifica, ma almeno può consolarsi con il premio della critica. Sebbene non fosse il mio pezzo preferito, quello di Tricarico, Vita tranquilla, è stato l'unico a commuovermi quantomeno per la spontaneità e sincerità dell'interpretazione. Meritavano di più L'Aura e il conterraneo (mio) Venuti. Scandalosa l'esclusione di Max Gazzè, che presentava uno dei più bei pezzi d'amore sentiti negli ultimi anni, mi premurerò di acquistare l'album nonappena farà capolino su iTunes music store. Stupido e inutile il pezzo di Tiromancino (e mi spiace). Non mi è piaciuto il pezzo di Frankie Hi Nrg, banale e soprattutto accostato palesemente alla copertina di Storia di un impiegato di De Andrè, copertina che tra le altre cose Pippo Baudo (direttore artistico) non ha riconosciuto.

Mi costringo così a pubblicare la mia personale classifica:

Ma chi l'ha vinto in verità questo festival? Ah, quelli come i Jalisse.

Etichette: , , ,

9 Comments:

Blogger Franca said...

E' già qualche anno che non seguo più il festival (mi ricordo vagamente un'edizione presentata da Bonolis).
Di questo non ho visto neanche un minuto e non me ne dispiace.
Dalla tua "relazione" mi sembra di capire che non mi sono persa nulla.
Ma il Fede facente parte della giuria di qualità che tu citi, è proprio "quel Fede"?...

2/3/08 10:40  
Blogger My funny Valentine said...

Mi è piaciuto molto questo tuo articolo (che chiamarlo 'post' mi sembra riduttivo). Dipendesse da me, la direzione artistica del Festival te la darei subito...
V

2/3/08 11:01  
Anonymous vale said...

Che vergogna

2/3/08 12:20  
Blogger Gianfranco said...

franca: puoi cliccare sui sei nomi della mia classifica per vedere solo ciò che si sarebbe salvato secondo i miei personalissimi umori... Sì, parlavo di E. Fede, pregevole e imparziale giornalista oltre che noto critico musicale :)

valentine: me lo segno, quando prenderai il posto di Del Noce sarò qui ad aspettarmi la tua chiamata! Certo che mi basterebbe un centesimo del budget attuale. Ecco la mia formula: trenta artisti (nel senso di artisti), niente divisione big e esordienti, giuria selezionatissima di cinquanta tra personalità degne di nota nel campo delle arti e della filosofia, no vallette, no Baudo (anche se non ha sfigurato). Terrei il dopofestival con gli Elii, che pare sia ben riuscito. Prima serata esibizione normale, seconda serata chiacchiere e jam sessions tra i musicisti in gara, terza serata scambio dei brani tra i vari concorrenti. Classifica completa, dal trentesimo al primo.

vale: eh...

2/3/08 13:19  
Anonymous vale said...

Ma oltre che direttore artistico vuoi diventare anche profeta? Come hai fatto a scrivere il post alle 19:15 di ieri? :P

2/3/08 15:19  
Blogger Mimmo said...

...devo assimilare molte canzoni...ma in linea di massima conrcordo. ;)

3/3/08 15:17  
Blogger Finazio said...

Non posso giudicare più di tanto perchè, come te, non ho ascoltato tutti i pezzi della manifestazione. Ho trovato irritante il pezzo dei Tiromancino, ruffiano, pieno di luoghi comuni e musicalmente inesistente. Il brano che ha vinto avrebbe avuto qualche chances di piacermi se interpretato dall'autrice, ossia Gianna Nannini, che almeno vi avrebbe iniettato grinta e vissuto personale; cantata dai due interpreti era una qualunque melensa canzoncina sanremese. Condivido in pieno il tuo giudizio su Tricarico. Inoltre il suo "stronzi", calibrato e ad effetto, è stato il momento più alto del Festival.

4/3/08 02:51  
Blogger guccia said...

...E allora adesso le ascolto, con estremo piacere, qui da te.

4/3/08 14:29  
Blogger Gianfranco said...

vale: in realtà avevo cominciato il post la sera prima, volevo davvero profetizzare. Poi ho continuato al risveglio, e per fortuna non avevo profetizzato, avrei sbagliato tutto :)

mimmo: onorato :)

finazio: perfettamente daccordo.

guccia: ho fatto il lavoro sporco al posto tuo :)

4/3/08 19:30  

Posta un commento

<< Home