giovedì 5 luglio 2007

Potrei dire che la pubblicità della nuova 500 sia pacchiana e mal realizzata, che mette assieme Valentino Rossi e i giudici Falcone e Borsellino, che mischia sacro e profano, che è inefficace, che è molto nazionalpopolare. Però porca miseria mi piace. Servirsi di volti, di ricordi, di eventi anche tragici per pubblicizzare un'automobile forse significa banalizzare la storia e i suoi personaggi, ma è sempre meglio che pubblicizzare un prodotto banale con immagini e slogan banali. Adesso non voglio azzardare che lo spot della fiat 500 possa avere valore persino educativo, ma la musica di Allevi (credo), unita a certe immagini, al cartello "non si affitta ai meridionali", alle proteste operaie di Mirafiori mi ha commosso, e magari spingerà qualcuno a documentarsi. Sono molto imbarazzato mentre scrivo, perchè, conoscendomi, mai avrei scritto a favore di una FIAT che per me ha sbagliato sempre e tutto. E alla pubblicità dunque mi fermo, perchè cassa integrazione, licenziamento e diritti dei lavoratori sono un gorsso problema anche oggi alla FIAT che sta dietro quelle immagini e quei suoni. Non posso però che essere appena ottimista, che sperare che questo possa essere il trampolino per un salto di qualità che in fondo non mi aspetto. La pubblicità però mi è piaciuta, tanto. Certo, palesemente scopiazzata da questa, e palesemente anche in relazione a queste dichiarazioni di Marchionne. Però mi è piaciuta lo stesso.

4 Comments:

Anonymous magico_vinello said...

Copiata decisamente, ma quella della nostra mela mangiucchiata preferita è tutta un altra cosa, non trovi?

5/7/07 14:21  
Blogger Gianfranco said...

Si però questa è più contestualizzata nel nostro paese...

5/7/07 15:34  
Blogger lapigneri said...

Da immigrante cronica quale sono posso dire che questa pubblicità piace molto anche a me e forse vista da un altro paese fa anche un effetto diverso,è vero ci sono immagini di ogni tipo,ma immagini che forse troppe persone non conoscono ancora, che fanno parte della nostra storia.
Non so perchè ma mi rimane impressa quella della Strage di Piazza Fontana.quanti fra i nostri coetani la riconoscono?temo davvero pochi.
Certo è triste che sia una pubblicità a comunicarci un po' della nostra storia,ma in fondo perchè no, la 500 stessa ne fa parte.

6/7/07 13:12  
Blogger Gianfranco said...

Fiera delle banalità: a me basterebbe che uno solo si sia fermato un attimo a riflettere e documentarsi...

6/7/07 17:32  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home