giovedì 26 ottobre 2006

Aspettano annidati tra le pieghe della memoria per giorni, settimane, mesi. Poi mentre non sai a cosa stai pensando riaffiorano, all'improvviso, ed è un impatto inevitabile, ed è un impatto che cambia il tuo modo di osservare certe cose. Questo è quanto è successo oggi anche a me, non ricordo quando, non ricordo perchè, non ricordo neanche se... ma è accaduto. E ho ricordato l'unico istante tra quelli di una vita in cui ho avuto la possibilità di essere artefice del mio destino. L'unico istante in cui ho saputo rispondere senza perdermi in un'analisi costi-benefici, senza concedere altre possibilità, senza fare "quello buono". Ho risposto per me, o forse la stessa risposta ha preso il mio posto. E mi vedo adesso, frutto di quell'istante. Da un'altra parte vedo i cocci che non sono miei... nonostante tutto non ho la forza di sorridere...

4 Comments:

Blogger occhiverdi said...

Franchino ma che ti succede?Sorridi..

26/10/06 20:10  
Blogger Gianfranco said...

Ma io sorrido sempre! ma non delle disgrazie altrui :)

26/10/06 21:01  
Blogger occhiverdi said...

disgrazie altrui?

27/10/06 20:40  
Blogger Gianfranco said...

Poi ti spiego :)

27/10/06 20:53  

Posta un commento

<< Home