martedì 25 luglio 2006

Sapete cosa? Questo è il post numero trecento. Come al solito poco importa, era giusto per sottolineare un altro inutile record da aggiungere a una lista inesistente... Come sono diverse le serate estive da quelle invernali, fredde e silenziose... le finestre restano spalancate, e i motori si affacciano alla soglia, spesso sovrastati dalla potenza di stupide autoradio. Mentre scrivo gira "Le onde" di Ludovico Einaudi, ma non riesce a ricostruire l'atmosfera invernale che diventava sospesa nel silenzio... sono troppi i rumori, e anche gli odori, perchè è inevitabile notare come la signora accanto stia arrostendo dei calamari che non sembrano neanche tanto freschi... così si spegne pure questa giornata, ma non si spegne in silenzio, non soffoca distratta ma crepita e si fa notare anche per mezzo di quella goccia di sudore che scivola sulla pelle... presto sarò a letto, domani mi attende una giornata intensissima, della quale ora preferisco non parlare più per tedio che per scaramanzia... buona serata a tutti allora, e che sia una serata divertente...

1 Comments:

Anonymous vale said...

invece di scrivere babbarie, potevi farmi gli auguri oggi... :)

27/7/06 11:49  

Posta un commento

<< Home