giovedì 5 gennaio 2006

Per la gioia di molti di voi oggi non è giorno della mia filosofia spicciola, oggi si parla di cose vere. La giornata non è cominciata sotto i migliori auspici... ma dopo sette ore di dura fatica, accendo il telefonino e vengo contattato dal Maestro Peppe, oggi di compleanno, per un "frugale" pranzo in allegria. Non sognerei mai e poi mai di rifiutare... e come la gazzella e il leone alla mattina, comincio a correre per sperare di giungere al luogo dell'appuntamento con meno di 120 minuti di ritardo. Appena entrato in casa per una veloce doccia mi trovo piacevolmente assalito dai due fusti organizzatori logistici del pranzo, luigi e peppe, che, alquanto indispettiti per il mostruoso ritardo, avevano deciso di prelevarmi presso la mia abitazione in perfetto stile gestapo. Temerario, decido che non è il caso di asciugare totalmente la mia folta chioma e mi avvio in compagnia dei bravi e con sotto il braccio solo un bottiglione di vino non avendo potuto provvedere all'acquisto di un adeguato omaggio per il festeggiato (di questo mi scuso). Giunti nel luogo dei festeggiamenti vengo accolto affettuosamente da Sig,ra e Sig.na Floresta, Valeria, Mariangela e il simpatico compare Natale, tutti parecchio affamati a causa del mio eccessivo procrastinare. Si comincia immediatamente a pasteggiare tra ammiccanti battutine che avrebbero voluto il sottoscritto su un piatto da portata a causa dell'imperdonabile ritardo. Nell'ordine faccio fuori: una quindicina di deliziosi antipasti: frittata con funghi, frittata con piselli, frittata con fagiolini, fagottini primavera, pomodori secchi, melanzane sott'olio, funghi, minipolpettine, mozzarelline, acciughine salate etc etc, il tutto accompagnato dal fragrante pane di produzione casalinga. Seguono lasagne al ragù, eccezionali polpette al sugo e gustosa cotoletta impanata e fritta. Del vino preferirei non parlare perchè ancora mi dona un piacevole tepore all'altezza della nuca. Per finire una squisita torta alla frutta, spumante, caffè e limoncello, anche questo preparato in casa dalla prossima dottoressa Valeria. Se il cibo ha donato sazietà allo stomaco, temprato dalle fatiche della mattinata, è stato il clima che si respirava in casa Floresta a saziare lo spirito, sono stato accolto con indescrivibile calore, nonostante la scortesia in tema di orari da parte mia... è stato tutto veramente molto piacevole, e in un certo senso sono felice di non aver minimamente pensato di declinare l'invito nonostante l'ora tarda nella quale ho appreso del familiare convito. Tempo fa avrei preferito trovare una scusa, giusto perchè non sono mai stato capace di vivere al minuto. Oggi no, e viva la mia facciatosta, senza questa avrei perduto una giornata meravigliosa. Detto ciò mi aspetto come minimo un commento da tutti i partecipanti, anche perchè rischio di aver dimenticato di citare qualche pietanza, e ciò non sarebbe corretto nei confronti degli angeli del focolare che, con mani gentili, hanno dato vita ad un eccezionale banchetto.
E' giunta l'ora del mio congedo, prima però un altro grazie alla famiglia Floresta tutta e agli altri commensali che hanno contribuito a rendere meno traumatico questo clima post-natalizio-inizio lavori di routine... GRAZIE!!!

5 Comments:

Blogger luigi said...

sottoscrivo in pieno le parole usate dal dottore4 briguglio nel decatare tali delizie del palato e rivolgo una lode al caro amico Natale Floresta uomo d' altri tempi e cavaliere di oggi.

5/1/06 20:19  
Anonymous vale said...

sei sempre il solito meraviglioso cantore.....comunque non c'è niente di meglio che vivere con cuore e semplicità,è la vera ricchezza della vita!!

5/1/06 20:27  
Blogger Gianfranco said...

Condivido tutto... a parte i complimenti destinati alla mia persona :) "meraviglioso cantore" mi pare esagerato... però in fondo in fondo, ma molto in fondo apprezzo...:) un po' come quando mi chiamano chitarrista, so di non esserlo e mi mortifica.. ma non mi spiace :)

5/1/06 20:50  
Anonymous vale said...

troppo modesto,al solito...anche questo ti fa grande!!(prima o poi fonderò un fan club in tuo onore, se non esiste già!!)

6/1/06 13:57  
Blogger Gianfranco said...

Mi basta averti\avervi conosciuti... questo è già abbastanza gratificante per me, poter condividere parte del mio tempo... voi siete già il mio "fan club", ed io sono il vostro... (chiudiamola qui, sennò altro che diabete :)

6/1/06 17:39  

Posta un commento

<< Home